Lettres italiennes, 
rubrica a cura di Corrado Conforti

Corrado Conforti, nato a Roma nel rione Castro Pretorio (a due passi da stazione Termini) ha studiato lingue e letterature straniere presso l'università la Sapienza (ancora a due passi da stazione Termini). Non ancora laureato ha cominciato a lavorare come insegnante di italiano per stranieri alla scuola Dilit di via Marghera (come sopra riguardo la stazione Termini). Siccome sempre a due passi da stazione Termini si trova anche il cimitero del Verano (dove riposa tutta la famiglia), prima del passo definitivo, nel 1991 ne ha fatto uno verso la suddetta stazione, salendo su un treno che lo ha portato in Germania, paese in cui da vent'anni vive lavorando come lettore di italiano presso l'università di Eichstätt.

Dettagli

Date a Cesare...

Lettres Italiennes

Corrado Conforti

Monaco, 8 dicembre 2011.
Chissà cosa faceva Caterina Solazzi nella sua tranquilla e certo a quei tempi noiosa Senigallia in quell'otto dicembre di esattamente 220 anni fa? Caterina, che aveva sposato il conte Girolamo Mastai Ferretti, era alla sua nona gravidanza, e, nella primavera dell'anno successivo, avrebbe partorito un bambino al quale sarebbero stati dati i nomi di Giovanni Maria Battista Pellegrino Isidoro; una volta diventato adulto, costui, per meriti (pochi) e demeriti (tanti), sarebbe poi passato alla storia.

Nato il 13 maggio del 1792, Giovanni Maria era stato certo concepito nell'agosto precedente. Concepito, come tutti noi, nel peccato originale trasmessogli, almeno secondo Agostino d'Ippona, attraverso la concupiscenza dei genitori; e tuttavia dai medesimi da quel peccato mondato, grazie al battesimo ricevuto, nello stesso giorno della sua nascita, nel duomo della città natale.

Leggi tutto: Date a Cesare

Dettagli

Le cravatte del devoto

Lettres italiennes

Corrado Conforti

Monaco, 8 novembre 2011.
Nomen omen dicevano i latini, a significare che spesso un nome contiene un destino. Il passato italiano offre non pochi esempi di questo curioso fenomeno (da Giovanni Fontana, che disegnò il “Fontanone” dell'Acqua Paola a Roma, a Antonio da Ponte, che eresse il Ponte di Rialto a Venezia). Il presente ne offre almeno uno con Paolo Bonaiuti, portavoce del Presidente del Consiglio.

Qui andrebbe forse aperta una parentesi contenente qualche considerazione su questo strano lavoro che consiste nel parlare al posto di un altro, esprimendo dunque non le proprie opinioni,

Leggi tutto: Bonaiuti

Dettagli

Le mot de Cambronne

Lettres italiennes

Corrado Conforti

Monaco, 13 ottobre 2011.
La straordinaria carriera militare di Pierre Jacques Étienne Cambronne inizia nel 1792, quando il ventiduenne bretone si arruola volontario nel corpo dei granatieri. Nel giro di pochi anni, partecipando alle guerre napoleoniche, sale tutti gradini della gerarchia militare, fino a ottenere, sul campo di battaglia di Hanau, il grado di generale. Segue poi Napoleone all'Elba e durante i Cento Giorni, e con l'Imperatore partecipa all'ultimo atto della grande avventura napoleonica sul campo di Waterloo dove Cambronne passa dalla storia alla leggenda. Circondato dagli inglesi, rifiuta di arrendersi, nonostante questi, a riconoscimento del suo straordinario valore, quasi lo implorino.

“La guardia muore, ma non si arrende” pare abbia pronunciato in quell'occasione. Infine, spazientito dalle esortazioni degli avversari che non vogliono lasciarlo morto sul campo, “Merde!” grida all'indirizzo dei britannici, cadendo poi colpito da ripetuti colpi di fucile.

Cade, ma non muore Cambronne e, a questo punto, come già detto, entra nel mito.

Leggi tutto: Le mot de Cambronne

Dettagli

Il sindaco e le puttane

Lettres Italiennes

Corrado Conforti

Roma, 30 agosto 2011
Esattamente novant'anni fa squadre di giovanotti prepotenti e parecchio ottusi scorrazzavano per l'Italia assalendo e distruggendo sedi sindacali e di partiti di sinis
tra. Vestivano la camicia nera e scandivano uno slogan altrettanto ottuso: “Me ne frego!”. Che, a rigore, nel suo cieco individualismo, non potrebbe essere slogan politico, ma che pure in quegli anni di confusione successivi alla prima guerra mondiale poté diventarlo. E per quella stessa confusione quello che era un movimento formato da violenti, da devianti e da asociali si trasformò, una volta fattosi filo-capitalista, conservatore e clericale, in un partito che tenne in mano il Paese per un ventennio pieno.

Tornando alle bravate cui sopra si è accennato, va detto en passant che queste, solo raramente contrastate dalle forze dell'ordine (e quando lo furono i nostri spavaldi se la diedero sempre a gambe), si concludevano spesso con una visita ai bordelli della città assalita.

Leggi tutto: Il sindaco e le puttane

Dettagli

Le roi boiteux

Lettres Italiennes

Corrado Conforti

Monaco, 7 luglio 2011.
In una canzone di Gustave Nadaud, cantautore ante litteram vissuto tra il 1820 e il 1893, si racconta di un re che, claudicante alla gamba sinistra (la canzone si chiama appunto Le roi boiteux, il re zoppo), impone ai suoi cortigiani di camminare esattamente come lui, vale a dire zoppicando. Un giorno però si presenta alla sua corte un nobile di provincia il quale, ignorando il curioso costume, procede esibendo un'andatura perfettamente simmetrica.

Il potere, specialmente quando è assoluto, dà alla testa, lo sappiamo tutti. Anzi, si può dire che proprio il fatto di non avere la testa completamente a posto, spinge alla ricerca del potere assoluto; e il suo raggiungimento non migliora certo la situazione.

Leggi tutto: Le roi boiteux

Dettagli

Pouro cretin!

Lettres Italiennes

Corrado Conforti

11 maggio 2011
Pouro cretin!
Prima che traduciate male la locuzione, ve la traduco io. Significa in vallese, ossia nel dialetto dell’omonimo cantone svizzero confinante a sud con l’Italia e a ovest con la Francia, “povero cristiano!”; ed è un'espressione di compatimento, di cui forse la versione più diffusa in Italia è “povero Cristo!”. Perché sono ricorso alla forma vallese? Lo scoprirete più avanti se avrete la pazienza di leggermi.
Pouro cretin
è dunque chi vive una vicissitudine. Ma lo è anche chi si esprime senza saper bene quello che dice, perché, in un’anima superiore, l’ignoranza non genera risentimento ma, appunto, compassione. E l’esempio più alto in questo senso ci viene proprio da Gesù Cristo, il quale, secondo il vangelo di Luca, implora morente la clemenza di Dio per i suoi aguzzini. “Padre – pronuncia prima di spirare – perdona loro, perché non sanno quello che fanno” (Luca 23:33-34).
Visto che ho nominato Cristo, rimaniamo in ambito cristiano e andiamo a leggere le parole di uno che,

in quanto docente di storia del cristianesimo presso l'Università Europea di Roma, ne sa in materia, o almeno ne dovrebbe sapere, molto più del sottoscritto.

Alcuni mesi fa, dunque, il professor Roberto De Mattei, titolare della cattedra cui sopra ho accennato, ha sostenuto,

Leggi tutto: Pouro cretin!

Dettagli

Proprietà di linguaggio

Lettres italiennes

Corrado Conforti

Monaco, 15 aprile 2011.
In un bel film di qualche anno fa Silvio Orlando, nel ruolo di un giornalista progressista, rimproverava la sua compagna, interpretata da Laura Morante per i suoi accostamenti fra sostantivi e aggettivi. Cecilia (così si chiamava la Morante nel film) chiamava “simpatica” un'insalata di pomodori, “geniale” un succo di frutta, “scomodo” un film  e “pazzesco” un negozio di alimentari. Sandro (questo era  il nome di Orlando) cercava di spiegarle che geniale poteva essere un film e scomodo semmai un negozio di alimentari; quanto all'insalata di pomodori, questa poteva essere buona, cattiva, fresca, marcia, ma pazzesca mai e nemmeno simpatica.
Sandro / Silvio, insomma, cercava di illustrare a Cecilia / Laura l'importanza di quella che si chiama proprietà di linguaggio, vale a dire  la capacità di esprimersi usando sempre i termini appropriati.

Ogni lingua dispone di un numero altissimo di parole, ma ancora più numerosi sono i significati che queste possiedono e che assumono a seconda del contesto nel quale appaiono. Faccio il primo esempio che mi viene in mente, ma sono sicuro che ognuno di voi ne troverebbe di più calzanti. Prendiamo il verbo “avvertire”. Il suo significato è quello di percepire (“Ho avvertito dei rumori in casa”), ma anche quello di “avvisare” (“Ho avvertito la polizia”).

Leggi tutto: Proprietà di linguaggio

Dettagli

Scarpe rosse

Lettres italiennes

Man geht davon aus, dass die katholische Kirche in Italien jährlich circa eine Milliarde Euro an Kirchensteuer erhält. Rechnet man die verschiendenen Steuererleichterungen dazu, bekäme der Vatikan vom Italienischen Staat ungefähr sechs Milliarden Euro. Wenigsten die Schuhe könnte die Kirche bezahlen.

Corrado Conforti

Nel 1534 François Rabelais, il grande scrittore francese autore di Gargantua e Pantagruel accompagnò a Roma, in qualità di suo segretario, il vescovo di Parigi Jean du Bellay. Giunto al cospetto del papa, il prelato in segno di omaggio si inchinò, come richiedeva il cerimoniale, per baciargli la pantofola. Quando fu il turno di Rabelais, questi rimase per qualche secondo immobile, poi, rispondendo ai tanti sguardi che gli chiedevano conto delle sue esitazioni, disse che se un personaggio tanto illustre aveva baciato la pantofola al pontefice, cosa avrebbe dovuto baciargli lui che era persona di nessun riguardo. Rendendosi poi conto di come la sua frase potesse essere interpretata e delle conseguenze che essa avrebbe potuto avere per lui, si precipitò in strada e, montato a cavallo, si allontanò sotto un diluvio torrenziale.

Leggi tutto: Scarpe rosse

Dettagli

Lettres Italiennes

De pulchritudine

 Schönheit und Intelligenz sind zwei Eigenschaften, die sich wohl nicht eindeutig und endgültig messen lassen. In Hinblick auf die Schönheit sagt ein Sprichwort, dass man über Geschmack streiten kann und die bisher entwickelten Intelligenztests sind allesamt umstritten. In einer TV-Show urteilte Silvio Berlusconi auf seine ganz besondere Art und Weise über die Eigenschaften der Oppositionspolitikerin Rosy Bindi.

 Corrado Conforti

“Che ggran dono de Ddio ch’è la bbellezza!” dichiara all’inizio di un suo sonetto del 1834, il grande poeta romanesco Giuseppe Gioachino Belli; il quale corrobora poi l’affermazione con una gustosa serie di considerazioni sull’avvenenza fisica, avvenenza – va detto – solo femminile. Belli non era certo il primo a occuparsi dell’argomento. In tutta la letteratura italiana, la bellezza viene costantemente celebrata. Già a partire dal padre delle nostre lettere, Dante Alighieri, che si innamora della sua Beatrice quando questa ha appena nove anni. Di lei dirà nella “Vita nuova” (ma la bambina nel frattempo è cresciuta), che “de li occhi suoi (...) escon spirti d’amore infiammati”. Tanta grazia non è tuttavia per Dante un motivo di concupiscenza, bensì uno strumento per accedere alla virtù e dunque a Dio. Concezione condivisa più o meno anche da Petrarca, il quale ci presenta comunque una Laura assai più sensuale della giovanissima Beatrice. Il grande poeta ne canterà “le belle treccie sopra ‘l collo sciolte” e “le guancie ch’adorna un dolce foco”. Con Boccaccio l’attenzione alla bellezza femminile si faassai meno spirituale; mentre con l’“Orlando furioso” di Ludovico Ariosto la letteratura italiana acquisisce versi sensuali come i seguenti dedicati alla bellissima Alcina: “Bianca nieve è il bel collo, e ‘l petto latte; / il collo è tondo

Leggi tutto: De pulchritudine

Dettagli

Lettres italiennes

Odonomastica

Durch die Erweiterung und Vergrößerung der Städte nehmen auch die Probleme der Onomastik (Ortsnamenkunde) zu.

Corrado Conforti

Mi raccontava mia madre che durante il Ventennio circolava la seguente barzelletta. “Ma insomma – si lamenta Mussolini con un suo sottoposto – è possibile che con tutto quello che ho fatto per questo paese, nessuno abbia ancora pensato a intitolarmi una strada?” “Ma eccellenza – risponde contrito il subordinato – noi ci abbiamo provato; e infatti abbiamo messo all’inizio di un’importante arteria una targa con su scritto Via Mussolini”. “Ebbene?” replica il Duce stizzito. “È che il giorno dopo – conclude il brav’uomo – qualcuno ci ha scritto sotto ‘Magari!’”

Sarà forse per evitare questo rischio che le vie si intitolano solo a chi è trapassato; sempre che costui o costei abbia fatto in vita qualcosa di buono o che almeno tale sia apparso ai posteri. Quella che sembra a me, e credo anche a voi che mi leggete, una prassi ovvia, non deve invece aver convinto del tutto Marco Siclari, vice capogruppo del Pdl (Popolo della libertà in futuro forse Partito dell’amore) al Consiglio comunale di Roma, il quale ha spinto il proprio ragionamento oltre i confini dell’ovvietà. “Se – si deve esser chiesto Siclari – qualcuno ha dei meriti, come avrebbe potuto vederseli riconoscere se non fosse nato?” Ragionamento che non fa una grinza. “Di conseguenza – avrà continuato il Nostro – se qualcuno si è distinto in vita, il merito è anche di chi quella vita gliel’ha data, vale a dire della mamma”.

Leggi tutto: Odonomastica

Dettagli

Lettres italiennes

Damnatio memoriae

Von jeher ist die Stadt Rom „historischen Korrekturen“ unterworfen worden und ihre Denkmäler und Bauwerke, aus diesem Grund oft verunstaltet oder verstümmelt, bezeugen es. Der Autor des Artikels erzählt, wie im 19. Jahrhundert Papst Pius, IX sogar den Tagesrhythmus veränderte, um die Erinnerung an Napoleon („damnatio memoriae“) auszuradieren. Heutzutage ist es der neue Bürgermeister, der das „damnatio memoriae“ für architektonische Werke oder kulturelle Veranstaltungen beschließt, die nicht auf seiner Linie sind.

Corrado Conforti

A Roma, a pochi metri dal colonnato di San Pietro, si trova uno dei più straordinari complessi architettonici e artisti della città, ricco, oltre che di bellezze, di memorie secolari. Pochi lo visitano e invece il complesso del Santo Spirito meriterebbe assai di più di quel frettoloso sguardo che gli dedica qualche turista. Se vi trovaste perciò un giorno a passare da quelle parti, vi consiglio di entrare almeno nel cortile dell’edificio situato fra la chiesa e l’ospedale, il cosiddetto Palazzo del Commendatore. Oltre ai loggiati affrescati vi attende una sorpresa: l’orologio barocco che, dall’attico a cui è aggrappato, domina l’intera corte. Si tratta di un orologio molto particolare, non tanto per il cappello cardinalizio che lo adorna o per la lancetta a forma di salamandra, bensì per il curioso quadrante sul quale spiccano, al posto delle consuete dodici, sei sole cifre. L’orologio segna infatti o, per meglio dire segnava, l’ora cosiddetta “romana”.

Leggi tutto: Lettres italiennes Damnatio memoriae

Dettagli

Mens insana in corpore insano

lettres-italiennes

Bereits die alten Römer wussten, dass ein gesunder Geist in einem gesunden Körper wohnt. In Zeiten des Fitnesswahns wird Sport aber meist nur noch aus modischen Gründen betrieben.

Corrado Conforti

Come tutti gli anni, anche quest’anno ai primi di settembre ho trascorso una settimana al mare a poco più di trenta chilometri da Roma. Il posto, va detto, non è un granché, ma ha il merito di avere a disposizione un’ampia spiaggia libera la quale, sebbene tutt’altro che pulita, mi consente di starmene tranquillo al sole, lontano da bambini che piangono, aspiranti calciatori e instancabili tennisti.

Leggi tutto: Lettres italiennes Mens insana in corpore insano

Dettagli

Lettres italiennes

Tempo pieno

Ein paar Gedanken zur Ausbildungspolitik der Regierung in Italien… - was wird nur aus den Kindern einer Kulturnation!“

Corrado Conforti

“Non vedo lʼora che ricomincino le scuole!” Quante volte ho sentito pronunciare questa frase a mia madre esasperata da noi tre figli quando a settembre, dopo quasi tre mesi di vacanze estive, non sopportava più le nostre continue liti. Allora le scuole iniziavano ad ottobre e la povera donna contava i giorni che la separavano dalla data in cui, almeno la mattina, avrebbe avuto un po’ di pace. Solo la mattina però, perché poi, ritornati a casa, noi figli avremmo cominciato di nuovo a litigare. O comunque ad occuparla. Perché ci avrebbe seguito nei compiti, ascoltandoci mentre ripetevamo la poesia da imparare a memoria, aiutandoci a risolvere il problema di matematica e, a volte, addirittura, scrivendo lei il tema che ci era stato assegnato.

Leggi tutto: Lettres italiennes Tempo pieno

Dettagli

Roma: vandali storici e vandali contemporanei

Lettres italiennes

Es ist nicht nötig, die Stadt Rom großartig vorzustellen oder anzupreisen. Aber was ist mit ihren Bewohnern? Der Autor dieses Artikels ist selbst Römer und behauptet, dass die “Ewige Stadt” schöner wäre, wenn einige ihrer Bürger sich anderswo niederlassen würden.

Corrado Conforti

“Null’altro saprei dire di questo popolo se non che è gente allo stato di natura, gente che, in mezzo agli splendori e alle solennità della religione e dell’arte, non si scosta d’un capello da quel che sarebbe se vivesse nelle grotte e nei boschi”.
Non sono parole mie. Le ha scritte Johann Wolfgang Goethe il 24 novembre 1786 nel suo diario redatto a Roma, dove era arrivato il 29 ottobre dello stesso anno. Nelle righe sopra riportate il grande letterato sembra rendersi conto per la prima volta, dopo l’iniziale entusiasmo, di quello che erano gli abitanti della città da lui tanto amata.

Leggi tutto: Lettres italiennes Vandali

Dettagli

Lettres Italiennes

Sulla falsariga delle Lettere persiane di Montesquieu abbiamo immaginato lo stupore di due extraterrestri di fronte all’Italia di oggi

Die politische Situation Italiens wird aus der Perspektive der Außerirdischen beschrieben. Ein Vergleich mit den „persischen Briefen“ von Montesquieu,   welche das damalige Frankreich aus der Sicht zweier Perser wiedergeben

Corrado Conforti

In Italia non se n’è accorto nessuno (o almeno non mi sono accorto io che qualcuno se ne sia accorto); in Francia credo proprio di sì. Ad ogni modo nell’anno che se n’è appena andato cadeva il 250° anniversario della morte di Charles Luis de Secondat, barone di La Brède e di Montesquieu, feudo quest’ultimo con cui il nome del celebre filosofo è universalmente conosciuto.

Se tale nome a qualche lettore non dice niente (ma spero proprio che invece dica molto) dirò che il barone è stato uno dei massimi rappresentanti di quella composita corrente di pensiero che siamo soliti definire “Illuminismo”, e che, senza le sue riflessioni, l’ancien régime, con il suo bagaglio di discriminazioni e angherie,  sarebbe durato forse qualche decennio di più, mentre la Rivoluzione Francese non sarebbe probabilmente diventata quella fucina di libertà che, a dispetto di chi ne ricorda solo le stragi, invece realmente fu.

Leggi tutto: Lettere persiane di Montesquieu Lettres italiennes

Dettagli

Il palazzo della discordia

Due ministeri si contendono le sale di uno degli edifici più belli del barocco romano

Seit 50 Jahren ist es ein Wechselspiel von kafkaesken Ausmaßen, das vom Kultur- und Außenministerium ausgetragen wird. Die Verantwortlichen verhindern den Umzug der Städtischen Pinakothek mit ihren verschiedenen Museen, in die sie im Moment aufgeteilt ist, in die Räume des Palazzo Barberini. Dort befindet sich stattdessen der "Circolo Ufficiali delle Forze Armate".

Corrado Conforti

Se vi capitasse quest’estate di fare un salto a Roma, magari per rendere omaggio al nuovo papa bavarese, vi consiglio di dedicare almeno mezza mattinata alla visita di Palazzo Barberini, uno dei capolavori del barocco romano, alla cui edificazione hanno collaborato, fra gli altri, i due grandi rivali – uno fortunato, l’altro assai meno – dell’architettura dell’epoca: Gianlorenzo Bernini e Francesco Borromini.

Dell’edificio vi stupiranno la sua armoniosa facciata a tre ordini, la magnifica scala elicoidale interna e la preziosa collezione di quadri ospitata nelle sue splendide sale. Vi stupirà ancora, se lo percepirete, un penetrante profumo di rosticceria che a volte si avverte all’ingresso. Invano però, poiché certi odori stuzzicano l’appetito, cercherete di soddisfare l’acquolina che nel frattempo vi sarà venuta in bocca.

Leggi tutto: Il palazzo della discordia

   
Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok Decline